Si avvisano i visitatori che questo sito utilizza dei cookies per fornire servizi ed effettuare analisi statistiche anonime. Continuando la navigazione su questo sito, si acconsente all'uso di tali cookies. In alternativa è possibile rifiutare tutti i cookies cambiando le impostazioni del proprio browser. Per maggiori informazioni andate nella pagina cookies policy del blog.

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità, né è da considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7/03/2001. Le immagini delle copertine le trame dei libri e i video riprodotti sono di proprietà delle rispettive case editrici e degli autori. Alcune immagini sono state trovate su pagine web e per questo sono da considerare di pubblico dominio.


giovedì 16 ottobre 2014

Una nuova intervista per me

Un grazie a Maria Cristina Vicino per la bellissima intervista che riporto sotto, ma c’è anche il link per visualizzarla per bene. http://thebookaholicblogg.blogspot.it/2014/10/la-voce-del-sentimento-di-evelyn-storm.html
La voce del sentimento di Evelyn Storm & intervista all’autrice!
Buongiorno a tutti sognalettori! Oggi niente attività del Blogger Love Project ma in compenso ho una novità succulenta da segnalarvi!
‘La voce del sentimento’ è il nuovo libro di un’autrice italiana già conosciuta per aver pubblicato fumetti, manga, poesie e racconti, Evelyn Storm, che mi ha gentilmente concesso una intervista per farsi conoscere e per far conoscere il suo intenso romanzo. A differenza dei precedenti romanzi da lei pubblicati, La voce del sentimento è una raccolta di racconti dalle sfumature più varie.


Quattro avventure in un unico romanzo. Quattro coppie seducenti e diverse tra loro, Veronica e Roberto, Daralis e Ronan, Petra e Josh, Cindy e Dylan, ma accomunate da un unico filo conduttore: la promessa di un amore “eterno”. Quattro storie con un argomento specifico, che spazia dalla vita vera al fantasy, dallʼombra alla luce, dal sentimento alla passione, dallʼItalia allʼestero.
1.Quando hai iniziato a scrivere? Perchè?
Quando ero piccola mi perdevo nella libreria dei miei nonni e annusavo ogni libro. Ci passavo le ore. Così poi, crescendo, è stato istintivo per me scrivere, soprattutto dopo aver visto che nei temi in classe a volte riuscivo a fare direttamente la bella e poi scrivevo la brutta. O avrebbero pensato che avevo copiato. Comunque, adesso come allora, scrivere mi procura sensazioni uniche, inimmaginabili per chi non è dentro questo magnifico mondo. Mi fa volare con la fantasia e mi conduce dove voglio.

 2. Il tuo romanzo è un self-publishing, questo fenomeno è sempre più diffuso, ma ancora ostico. Qual è stata la tua esperienza?
Ho scritto il mio romanzo e ho provato a iscrivermi su Amazon, ma devo aver
sbagliato qualcosa perché non ci sono riuscita. Così mi hanno parlato bene di
Narcissus e ho preparato file e cover e ho caricato il tutto, dopo aver risposto alle loro domande. In pochi giorni l’ebook è stato messo online in tutti gli store online e ho iniziato a pubblicizzarlo. Poi sono passata a chiedere aiuto ai blog e ho creato un evento. Mi muovo come voglio, senzarendere conto a nessun editore, vedo in tempo lampo (o quasi) le vendite. Quindi, per ora la mia esperienza è positiva, ma è iniziata solo da agosto, un po’ presto per fare previsioni e bilanci.

3. Da dove hai tratto spunto per il tuo libro?
Il mio libro è composto da 4 racconti. Per il primo mi sono ispirata a una storia che, purtroppo, è capitata a una futura sposa e a suo padre. Sono morti entrambi in un bosco a causa di un fulmine. E poi ho perso davvero un gatto in modo orribile, così ho cambiato qualcosa ma l’idea di base è partita da queste vicende. Per il secondo mi sono state utili fare innumerevoli ricerche, oltre che dire grazie alle letture dei libri di Kresley Cole, Stephenie Meyer e Lisa Jane Smith per la loro ispirazione. Il terzo racconto è frutto solo della mia immaginazione. Siamo abituati a pensare che tutti i ragazzi inglesi devono per forza essere indipendenti e abbandonare la casa paterna in giovane età. Ho voluto mostrare un’eccezione. Per l’ultimo mi sono basata ai film sul pattinaggio su ghiaccio e al fatto che io stessa ho iniziato delle attività sportive per poi lasciarle e pentirmene.

4. Preferisci la lettura o la scrittura?
Preferisco la scrittura, anche se adoro leggere.

5. Qual è il tuo libro preferito?
Non so dire qual è, ce ne sono troppi. Mi è piaciuto molto “Il cavaliere d’inverno” di Paullina Simons o “Romeo e Giulietta” di William Shakespeare. Ma davvero, ce ne sarebbero mille altri.
Per oggi è tutto, ma le novità e le sorprese su questo libro e su questo blog non sono finite!
Bacini, Cris

Nessun commento:

Posta un commento