Si avvisano i visitatori che questo sito utilizza dei cookies per fornire servizi ed effettuare analisi statistiche anonime. Continuando la navigazione su questo sito, si acconsente all'uso di tali cookies. In alternativa è possibile rifiutare tutti i cookies cambiando le impostazioni del proprio browser. Per maggiori informazioni andate nella pagina cookies policy del blog.

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità, né è da considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7/03/2001. Le immagini delle copertine le trame dei libri e i video riprodotti sono di proprietà delle rispettive case editrici e degli autori. Alcune immagini sono state trovate su pagine web e per questo sono da considerare di pubblico dominio.


martedì 23 settembre 2014

Le mie considerazioni letterarie e uno sfogo con la s maiuscola

Ciao a tutti. Non so come definire come mi sento. Ora, non sarò la migliore ma nemmeno la peggiore, eppure è un periodo che leggo che questa autrice che conosco è arrivata a una grande casa editrice, che un'altra è finita sul giornale, che un'altra ancora è arrivata ai vertici di Amazon. E il mio morale non è dei migliori.
Alcune autrici o aspiranti tali hanno dalla loro il fatto di essere giovanissime, di essere cresciute con il pc e sono arrivate al momento giusto. Intendo che ora Amazon offre la possibilità di autopubblicarsi ed è una grande vetrina, un "posto" dove essere notati anche dalle big, al pari di altri siti che permettono lo stesso. Senza contare che le grandi case editrici è un periodo che cercano, quindi avere 20-25 anni adesso con queste opportunità è grandioso. Chi ha quell'età ha ancora 20 o 15 anni per arrivare ai 40 e cosa cambierà in tutti quegli anni? Chissà che curriculum avranno e che risultati. Ma chi è più "vecchio", magari ha un curriculum lungo ma non è ancora arrivato, e non ha certo avuto le stesse opportunità quando era giovanissimo.
Senza contare che vorresti spedire tutto a tutti, ma devi avere del materiale pronto e poi non so se tu possa pubblicare più cose con diverse cee, se ti prendono. Poi c'è sempre chi celebra l'autopubblicazione su Amazon e i dubbi crescono, il tempo passa, tu non vivi di scrittura, anche se lo vorresti, e ti fai prendere dall'ansia. A me capita, perché è un chiodo fisso e non è un hobby. Mai considerato tale. Inoltre, all'estero alcuni guadagnano cifre astronomiche scrivendo. Qui, quando dico che scrivo, ottengo due risultati: 1) "Ah scrivi? Che bello!" e finisce lì. 2) Scrivere, fare la casalinga o grattarmi dalla mattina alla sera è lo stesso per alcuni. Che poi, cosa significa essere casalinga oggi? Non sapevo dove lasciare i bimbi e sono stata a casa, buttandomi a capofitto su scrittura e disegno. E quando mai sono casalinga? Io, la polvere e i ragni non siamo compatibili. Odio spolverare!
Comunque, come dico sempre, sono giovane - tanto che mi scambiano per la sorella di mia figlia - ma non giovanissima. E sono nata nel momento sbagliato e nel paese sbagliato.
Leggevo giusto ieri un manuale di scrittura e parlavano di casi eclatanti sbocciati anche grazie all'autopubblicazione su Amazon. Sì, casi tutti stranieri, anche con anticipi di 2 milioni di dollari. Cavolo, altro che crisi con quei soldi, altro che rinunce o altro, ma qui che anticipi hai? O niente, nel caso delle piccole o medie o di uno o pochi migliaia di euro nel caso delle big. Ma credo siano casi rarissimi quelli che vivono di scrittura qui. E se fossi eterna, tipo vampira, allora avrei tempo, ma non so... ho fretta. Come se avessi un piede nella fossa, quando non sono vecchia. E' che mi manca arrivare dove voglio!
Insomma, sono un caso disperato a chiedermi perché sono nata con la passione per la scrittura, il disegno e il canto, se poi ottengo solo le briciole degli stranieri? Non posso nemmeno contare sugli amici o sulla famiglia, se non in rari casi. Questo perché non leggono ebook, non sanno come registrarsi su Amazon e acquistarmi l'ebook, non comprano da Internet per paura che rubino sulla loro carta di credito, non leggono, volevano il cartaceo e mille altre ragioni.
Eppure, vedo autrici - e conosco anche queste - che appena postano un loro libro, tutti si fiondano a comprarlo e hanno sfilze di stelline e recensioni su Amazon. Mah!
Mi sono sfogata! Purtroppo, per arrivare, hai bisogno di qualcuno. Non è vero che volere è potere o sarei già strafamosa, straricca, strarealizzata con ciò che amo.
Scopritemi voi del mondo, prima che diventi un'anziana sdentata. Ah ah ah, che è quello che poi accade a molti. Magari non sono sdentati e non sono troppo vecchi, ma leggi che hanno 68-70 anni, un curriculum lungo, ma chi li conosce? E non guadagnano, nonostante siano preparati e abbiamo fatto infinite cose. Squallore! Quando negli Stati Uniti leggi sempre di ragazzini di 16 anni che sono attori, cantanti, scrittori ecc.
Anche qui c'è chi, come me, scrive favole, romance, fantasy, poesie e magari più avanti anche erotici. C'è chi, come me, fa braccialetti personalizzati, biglietti augurali, decoupage, dipinge sui sassi, su tela, disegna su carta, fa copertine, canta. Ma dove sono io e dove sono quelle giovanissime star straniere? Termino qui, tanto non capirò mai perché loro sono nati nella terra delle opportunità e io no. Perché loro sanno prendersi tutto e io no, anche se ho un bel curriculum e ho accumulato una marea di esperienze. Stop! Torno a fare altro, grazie al mio pc. E meno male che c'è Internet e il computer!dispositivo-di-input-del-computer-mouse-pad_121-113101

Nessun commento:

Posta un commento