Si avvisano i visitatori che questo sito utilizza dei cookies per fornire servizi ed effettuare analisi statistiche anonime. Continuando la navigazione su questo sito, si acconsente all'uso di tali cookies. In alternativa è possibile rifiutare tutti i cookies cambiando le impostazioni del proprio browser. Per maggiori informazioni andate nella pagina cookies policy del blog.

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità, né è da considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7/03/2001. Le immagini delle copertine le trame dei libri e i video riprodotti sono di proprietà delle rispettive case editrici e degli autori. Alcune immagini sono state trovate su pagine web e per questo sono da considerare di pubblico dominio.


mercoledì 26 marzo 2014

Pensieri scombinati e sfoghi

Ciao a tutti, oggi non sono qui per pubblicizzarvi qualcuno e nemmeno me stessa, ma per sfogarmi. Sì, avete capito bene. Forse sbaglio, ma preferisco pensare che qualche autrice/autore o semplice lettore possa leggere il mio messaggio e magari commentarlo.
Cosa è successo? Tutto e niente, come si dice. Ho lasciato una delle mie case editrici e il 7 aprile mi scadrà il contratto con un'altra. Ho in ballo due libri che vorrei veder pubblicati, ma il tempo mi sfugge dalle dita e sono indietro. Nel frattempo ho spedito in giro un progetto e devo aspettare la risposta. Mi sa ci vorranno mesi. Aiuto, chi ha la pazienza adatta per stare in attesa? Io no, purtroppo.
E intanto mi arrivano proposte che non vanno in porto perché si aspettano che, dato che siamo in Italia e c'è crisi, uno faccia i lavori gratis o poco ci manca. Mi sento svilita come autrice. Come dire che tanto io non sono famosa come i big e quindi dovrei accontentarmi di cifre ridicole o del niente. Ovviamente non mi sta bene.
Insomma, quest'era è bella da una parte, ci sono tante possibilità rispetto al passato, ma è anche tanto dispersiva. Se non sai cosa sia giusto o meno, quali case editrici siano serie e quali no, quali siano gli agenti giusti e se convenga cercarne uno, puoi passare le ore, i giorni, gli anni a cercare qualcosa che poi magari non farà nemmeno per te.
Vorrei fare le scelte giuste. Il mio curriculum è lungo, ma non ho ancora trovato la strada che voglio percorrere. Non sono ancora arrivata dove voglio arrivare e non ho garanzie. A volte mi lamento per essere nata nel paese sbagliato, altre volte vorrei essere ancora più giovane, a volte mi do contro di avere sbagliato tutto. Altre ricordo ciò che ho fatto e rivaluto il tutto, perché comunque l'impegno, la voglia, la determinazione, ci sono stati. E anche le esperienze.
Non so, a volte mi chiedo chi sarei o dove sarei se fossi nata all'estero e il mio amor di patria, mi spiace, ma non c'è. E' brutto così, ma sono stanca di vedere gente al mio stesso livello, che come me scrive e disegna, che all'estero ha fatto il triplo e ha guadagnato il triplo rispetto a me. Così mi butto nei miei sogni a occhi aperti, leggo, scrivo, vivo la vita che voglio attraverso i miei personaggi. E quando ritorno alla realtà, non è sempre facile.
Scusate, ma ogni tanto mi sfogo anche io, nonostante ami quello che faccio e non vorrei cambiarlo con altro. La passione c'è, la strada spero arrivi presto e mi porti a realizzare tutto, in vita e il più giovane possibile. Perché non sarebbe lo stesso farcela a 90 anni e con la dentiera. Ahahah. A parte gli scherzi, non ci tengo a vedere gli anni volare senza portarmi niente. E viviamo in un mondo dove più giovane sei meglio è. Anche se è matematico che, se non muori giovane, invecchiamo tutti.

imagesem
P.S. L'immagine presa serve solo ai fini dei post e l'ho trovata su Internet.

Nessun commento:

Posta un commento