Si avvisano i visitatori che questo sito utilizza dei cookies per fornire servizi ed effettuare analisi statistiche anonime. Continuando la navigazione su questo sito, si acconsente all'uso di tali cookies. In alternativa è possibile rifiutare tutti i cookies cambiando le impostazioni del proprio browser. Per maggiori informazioni andate nella pagina cookies policy del blog.

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità, né è da considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7/03/2001. Le immagini delle copertine le trame dei libri e i video riprodotti sono di proprietà delle rispettive case editrici e degli autori. Alcune immagini sono state trovate su pagine web e per questo sono da considerare di pubblico dominio.


martedì 10 dicembre 2013

Nuovo estratto e nuovo inserimento su Bellezze Gossip

Tratto da "Il covo degli spiriti guardiani": Come un automa prese a salire gli scalini, uno dopo l'altro, sorreggendosi al corrimano, e abbassando la maniglia si ritrovò dentro. Dinanzi ai suoi occhi increduli, vide la stanza cambiare aspet...to. Sembrava molto più spaziosa e luminosa. A pochi metri da lui comparve poi l'ombra dall'incedere spettrale di un giovane che sembrava terrorizzato. Indossava una specie di saio scuro con tanto di cappuccio e tra le mani stringeva un libro di preghiere. http://www.twins-store.it/home/70-evelyn-storm-il-covo-degli-spiriti-guardiani-9788898410774.html

Un nuovo inserimento su "Bellezze Gossip": http://www.bellezzegossip.com/cultura/evelyn-storm-presenta-il-romanzo-il-covo-degli-spiriti-guardiani
Articolo originale Bellezzegossip.com
"Il covo degli spiriti guardiani"
“Il covo degli spiriti guardiani”
Se state pensando di regalare libri a Natale (saggia decisione) perché non prendete spunto dalla nostra rubrica di cultura?
Il libro di cui vi parliamo oggi è stato scritto da Evelyn Storm e si intitola “Il covo degli spiriti guardiani”, pubblicato da David and Matthaus Edizioni.
Abbiamo incontrato l’autrice ed ecco cosa ci ha raccontato.
Ciao Evelyn, prima di parlarci dei tuoi libri ci racconti qualcosa su di te?
Ciao a voi e ai lettori. Sono unʼappassionata di tutto ciò che è arte, quindi amo scrivere, disegnare, cantare e ballare. Ma anche leggere e viaggiare, tutte cose che mi permettono di evadere, di ispirarmi, di sognare e di sentirmi viva e capace di raggiungere sempre nuove mete. Inoltre, sono sposata e mamma di due bambini.
Di cosa parla il tuo romanzo e da cosa ti è stato ispirato?
Ho scritto un libro in cui vita e morte si incontrano e dove i vivi e gli spiriti si sfiorano, convivono, interagiscono, diciamo, per un fine comune. Presente e passato si confondono per raccontare una storia nella storia. Nel dettaglio, Brandon passa le giornate tra scuola, la famiglia, il migliore amico e i problemi di cuore, finché la sua vita muta improvvisamente. Presenze inquietanti, mistiche, evanescenti, gli appaiono e poi sul più bello scompaiono. E brividi di freddo gli annunciano queste apparizioni che, da un passato antico, tornano per cercare da lui qualcosa che da soli non possono avere o ri-avere. Con la conseguente mancanza di pace per nessuno. Ma più di tutto, Brandon sarà sconvolto da Elisabeth, una bellissima ragazza fantasma. Lʼispirazione mi è venuta da un romanzo che avevo letto da ragazzina, da delle sensazioni che ho avvertito spesso in presenza di spifferi dʼaria inaspettati, dai racconti sulla mia bisnonna che sentiva le cose e dai ricordi di una vecchia casa piena di stanze e porte che frequentavo da bambina.
Ci racconti qualche curiosità sul momento della scrittura? Hai dei “rituali” particolari, c’è musica in sottofondo, crei una situazione particolare oppure…
Se devo essere onesta, io non ho il problema del foglio bianco da riempire. Per mia fortuna trovo sempre lʼispirazione: leggendo, guardando la tv, passeggiando, sfogliando una rivista, navigando in Internet, incrociando qualcuno mai visto in strada o ascoltando la musica. Ma quando mi capita di essere troppo ispirata devo estraniarmi da tutto e tutti. Scrivo meglio quando sono da sola o di notte, con la musica di sottofondo. Ascolto di tutto, del tipo che passo da Rondò Veneziano a Katy Perry.
Se il tuo libro diventasse un film, chi vorresti come attori e chi come regista? E con le musiche di quale gruppo?
Magari potesse diventare un film, ma qui in Italia non mi faccio di queste aspettative. Comunque, vorrei come attori Nicholas Hoult di “Warm bodies”, anche se ha qualche anno in più del mio Brandon, e come attrice per la ragazza spettro Emma Roberts, la nipote di Julia, ma con i capelli scuri. Per il regista vorrei Catherine Hardwicke, che ha diretto “Twilight” e “Cappuccetto Rosso sangue”. E come musiche sceglierei i Muse o Katy Perry, divina in “Wide Awake”.
Cosa pensi della situazione degli scrittori emergenti in Italia?
Parlo in generale, perché ognuno pubblica con una casa editrice diversa e le esperienze risultano per forza di cose diverse. Diciamo che si potrebbe fare di più, ma non dipende solo dagli scrittori. Come in tutte le cose ci sono autori bravissimi che meritano, altri che sono nella media e altri che invece non sono affatto bravi. Ma il sistema editoriale italiano è quello che è. Qui non ci sono la mentalità e nemmeno le possibilità che ci sono allʼestero ed è un dato di fatto. Parlo più che altro delle piccole e medie case editrici, dove non ci sono anticipi per gli scrittori né margini di guadagni altissimi. Bisogna adeguarsi, accettare quello che si ha per migliorarsi, crescere e vedere di raggiungere di più, superando magari anche i confini geografici. È un lavoro lungo e difficile per chi non ha soldi, conoscenze oppure la fortuna o la bravura di pubblicare con una grande casa editrice, ma se ami quello che fai, insisti e persisti. Sempre e comunque.
Hai visto “Masterpiece”? Che ne pensi di un talent letterario?
Non lʼho visto né penso di vederlo. Un poʼ per lʼorario e un poʼ perché ho delle riserve. Insomma, non so mai se questi talent sono “veri” o se è già tutto organizzato. Non mi sento di dire altro.
Che lettrice sei? Quali sono i 3 libri che secondo te meritano di sopravvivere…all’Apocalisse?
Mi definirei “onnivora”, ossia leggo un poʼ di tutto, anche se con riserva. Nel senso che argomenti di politica, horror, saggi e guerra proprio no. Per quanta riguarda quali libri dovrebbero sopravvivere, ahia, sono un poʼ in difficoltà. Posso non rispondere? :) Se proprio devo, direi “Anna Karenina”, “Il cavaliere dʼinverno” e “Il ritratto di Dorian Gray”. Ma avrei potuto citarne tanti altri, sono indecisa.
Dove si compra il tuo libro? Sul sito della casa editrice, sui siti online, lo si può ordinare da me o in libreria.

COMPRA IL LIBRO SU IBS OPPURE SU AMAZON.


Nessun commento:

Posta un commento