Si avvisano i visitatori che questo sito utilizza dei cookies per fornire servizi ed effettuare analisi statistiche anonime. Continuando la navigazione su questo sito, si acconsente all'uso di tali cookies. In alternativa è possibile rifiutare tutti i cookies cambiando le impostazioni del proprio browser. Per maggiori informazioni andate nella pagina cookies policy del blog.

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità, né è da considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7/03/2001. Le immagini delle copertine le trame dei libri e i video riprodotti sono di proprietà delle rispettive case editrici e degli autori. Alcune immagini sono state trovate su pagine web e per questo sono da considerare di pubblico dominio.


giovedì 6 giugno 2013

La recensione di "Via Chanel n.5" di Daniela Farnese by Evelyn Storm

cop ii
Titolo: Via Chanel n. 5
Autrice: Daniela Farnese
Editore: Newton Compton
Pagine: 384
Trama: Rebecca ha trentatré anni, più di cento paia di scarpe, un armadio pieno di tubini neri e accanto a sé l'uomo della sua vita, Niccolò. Il suo mito, fin da ragazzina, è la grande Chanel e per questo motivo tutti gli amici la chiamano Coco. Si è appena trasferita da Venezia a Milano per raggiungere Niccolò, ha un nuovo lavoro ed è convinta di aver trovato finalmente la felicità. Ma appena giunta nella metropoli, dopo un anno di amore a distanza, Niccolò le confessa di essersi innamorato di un'altra e lei si ritrova single, in una grande città che non conosce, con il cuore spezzato. E quale peggior sorpresa, per una donna che soffre per amore, che essere promossa a wedding planner? Dopo aver passato interi giorni chiusa in casa, Rebecca decide di seguire il consiglio dell'amica Emma e si fa travolgere dall'intensa vita mondana milanese, mentre una collega di lavoro, Valentina, le fissa degli appuntamenti al buio, uno dopo l'altro. Ad animare la sua vita da single ci sono anche la signora Sophie, ex cantante lirica con il suo buffo pappagallo, Axi, l'amica astrologa che cerca di trovarle l'amore con l'aiuto delle stelle, e il suo giovane capo, che le darà del filo da torcere. Tra corteggiatori improbabili, flirt disastrosi, vestiti da sposa, petali di rose e fughe a Parigi, Rebecca impara che dal mal d'amore si guarisce e che si può star bene anche da sole. Fino a quando, durante un viaggio di lavoro, non incontra l'affascinante e misterioso Etienne...
Recensione: Il libro ti colpisce da subito, sai che si tratta della classica letteratura rosa che piace a noi donne e ti ci butti. Sai anche che non sarà una lettura impegnativa e noiosa, altrimenti, leggendo la quarta di copertina, non l'avresti nemmeno iniziato. Devo dire che la trama migliora pagina dopo pagina e che si nota come l'esperienza personale dell'autrice sia stata inserita qua e là. E difatti, quando ho letto la sua biografia, ne ho avuto la riprova. Ma veniamo alla protagonista, Rebecca, la classica ragazza trentenne che decide di cambiare vita a Milano e che, pian piano, mattone dopo mattone, mette nuove basi. All'inizio la situazione sembra rosea: le si prospetta un nuovo lavoro, nuove amicizie, nuovi colleghi e nuovi vicini di casa, oltre all'amica Emma e al suo grande amore Niccolò che, guarda caso, vivono a Milano. Ma cosa succede invece? Che Niccolò le dice di amare un'altra e che quello che per lei era amore, seppure a distanza, per lui non lo è stato. Ma anche sul lavoro le cose non vanno di certo meglio: è stata promossa wedding planner, proprio lei che ha il cuore spezzato, e viene seguita da Valentina, un'arpia che le fissa appuntamenti al buio disastrosi, la controlla e la critica. Meglio fare buon viso a cattivo gioco, accettare il lavoro e lasciarsi travolgere dalla frenetica vita milanese, tanto già il gusto per la moda in lei è più che radicato, seguendo da sempre il mito di Chanel, da qui il soprannome di Coco. A tutto questo si unisce la passione inaspettata per il suo lavoro, l'amicizia duratura con Emma e con il vicino di casa Claudio e la stessa Milano, che comincia a piacerle. Manca solo l'amore. Spesso si è imbattuta in un amico del suo giovane capo, Etienne, che lei all'inzio scambia erroneamente per un fattorino e che rincontrerà anche fuori dall'Italia, sempre per motivi di lavoro. Sarà forse lui l'innamorato perfetto? O forse sarà Niccolò, che potrebbe sempre ripensarci? O ancora, magari uno sconosciuto italiano o parigino che sia? Vi lascio il piacere di scoprirlo leggendo il romanzo che, come in tutte le storie, ha tanti altri piccoli e grandi particolari che fanno da contorno ma, anche per questo, rendono la trama per quella che è, ossia completa, più ricca e vera.

Nessun commento:

Posta un commento